Il MEF condivide i Tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione per il 2017

È di recente pubblicazione, da parte del Ministero delle Finanze (MEF), l’aggiornamento dello stato di pagamento della pubblica amministrazione.

I giorni medi di pagamento passano da 58 nel 2016 a 55 nel 2017, diminuendo di 3 giorni. Per quanto il calo possa considerarsi una notizia positiva la media rimane sempre al di sopra di quanto stabilito per legge (pagamento entra 30 giorni o 60 giorni per il Servizio Sanitario Nazionale).

Netto miglioramento anche per i tempi medi di ritardo che passano dai 15 del 2016 ai 7 del 2017.

Tra i dati riportati dal MEF risulta essere già pagato il 69% delle fatture registrate infatti su 27, 5 milioni di fatture 19 milioni sono in stato pagamento.

Il dato che genera un punto d’attenzione è da riferirsi all’ammontare delle fatture ancora da saldare, da quanto comunicato dal MEF su 155,9 miliardi di euro di fatture registrate l’importo pagato è di 115,9 miliardi di euro, che corrisponde al 83% del totale (al netto della quota IVA e degli importi sospesi e non liquidabili), resta ancora da saldare il 17% degli importi.

Bisogna tener presente però che ancora non tutti gli enti comunicano le informazioni complete, per cui l’importo saldato potrebbe essere superiore a quello pubblicato.

Anche con l’attivazione della fattura elettronica, 3 anni fa, parte delle pubbliche amministrazioni non utilizza il servizio lasciando quindi un vuoto informativo. Il MEF ha attivato molteplici modalità di comunicazione dei dati da parte della pubblica amministrazione ma ancora non sufficienti per avere il quadro completo dello stato della fatturazione.

Il sistema SIOPE+ dovrebbe risolvere in maniera definitiva questo problema consentendo l’acquisizione automatica dei dati sui pagamenti integrando le informazioni attualmente disponibili nel sistema SIOPE.

L’integrazione di SIOPE+ è partita in maniera graduale da luglio 2017 e finirà a gennaio 2019 coinvolgendo tutte le principali pubbliche amministrazioni presenti sul territorio.

 

 

Fonti: Ministero delle Finanze (MEF)

NEWS CORRELATE

Banca IFIS, l’Assemblea degli Azionisti approva il bilancio 2018 e il dividendo di 1,05 euro per azione

L’Assemblea ordinaria degli Azionisti di Banca IFIS S.p.A., riunitasi oggi sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg, ha approvato: 1- Il bilancio relativo all’esercizio 2018, i cui risultati preliminari sono stati comunicati l’11 febbraio 2019; 2-La distribuzione agli azionisti di un dividendo pari a 1,05 euro, al lordo delle eventuali ritenute di legge, per ciascuna …

Gruppo Banca IFIS: Il CDA approva i risultati preliminari 2018

Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, riunitosi oggi sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg, ha approvato i risultati preliminari relativi all’esercizio 2018. Il 7 marzo 2019 verrà approvato il progetto di bilancio 2018. «Nel 2018 Banca IFIS ha continuato a crescere in tutti i segmenti di business grazie all’eccellente lavoro di tutto il …

Tempi di pagamento nella sanità

Emergono dati positivi dal settore della sanità, negli ultimi 4 anni il debito pubblico del Servizio Sanitario Nazionale è diminuito del 40% dal 2012 al 2016, (13,6 miliardi di euro) attestandosi a 20,6 miliardi di euro. Un dato significativo sull’impegno del Ministero della Salute al fine di migliorare i bilanci della pubblica amministrazione e di …