Tempi di pagamento nella sanità

Emergono dati positivi dal settore della sanità, negli ultimi 4 anni il debito pubblico del Servizio Sanitario Nazionale è diminuito del 40% dal 2012 al 2016, (13,6 miliardi di euro) attestandosi a 20,6 miliardi di euro. Un dato significativo sull’impegno del Ministero della Salute al fine di migliorare i bilanci della pubblica amministrazione e di ridurre i tempi di pagamento nei confronti dei fornitori.
Le Regioni che maggiormente si sono adoperate per la riduzione del debito sono state la Campania (-58,1%), Il Veneto (-57,6%) e il Lazio (-49,9%).
Tra le cause del calo del debito pubblico è attribuibile alla Direttiva sui ritardi dei pagamenti della PA d.l.192/2012 in vigore dal 30/11/2012, che fissa i tempi massimi di pagamento dei fornitori a 60 giorni e dalla crescente attenzione della Commissione Europea che nel dicembre scorso ha deferito l’Italia alla Corte di Giustizia dell’Unione a causa del sistematico mancato rispetto delle disposizioni europee contro i ritardi di pagamento.

Come percepiscono il cambio di rotta del Ministero della Sanità i suoi fornitori?

Tra i principali fornitori del Ministero della Sanità quelli maggiormente impattati sui ritardi di pagamento sono quelli dell’Industria del Farmaco e quelli dell’industria dei dispositivi biomedici.
Tempi ancora lunghi per i fornitori della Sanità, i produttori di beni medicali aspettano in media 4 mesi prima di incassare i pagamenti da parte della P.A. (quasi 3 mesi per le imprese farmaceutiche) secondo i dati al primo trimestre 2018.
Nonostante il trend positivo degli ultimi 6 anni, i produttori di beni medicali dichiarano tempi di incasso di 124 giorni mentre le imprese del farmaco ne dichiarano 79, contro i 60 giorni della normativa.
Sono sicuramente numeriche migliori rispetto a quelle del 2012 che registravano pagamenti a 251 giorni per l’industria del farmaco e addirittura 316 giorni per l’industria dei beni medicali.

Rimane quindi uno scenario con grandi margini di miglioramento sebbene in netta diminuzione sia nei volumi sia nei tempi di risanamento del debito.

Fonti: Corte dei Conti; Assobiomedica; Federfarma

NEWS CORRELATE

Premio PA sostenibile 2018: 10 progetti per gli enti virtuosi

Innovare, ormai, è una parola d’ordine per ogni tipo di settore e non fa certo eccezione la Pubblica Amministrazione. È proprio per far emergere le idee all’avanguardia pensate dagli enti pubblici che è stato pensato il “Premio PA sostenibile: 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, assegnato ogni anno da Forum PA alle amministrazioni …

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Identità digitale SPID, un’unica password per l’accesso delle aziende ai servizi delle PA

L’attività imprenditoriale comporta la necessità di interfacciarsi in svariate occasioni con gli uffici delle pubbliche amministrazioni, per adempimenti e servizi di diverso genere. Dalla gestione del cassetto fiscale a quello previdenziale, fino agli adempimenti relativi alla fatturazione elettronica, tutti questi impegni richiedono tempo e personale dedicato. Per facilitare l’impresa nelle relazioni con la PA, è …

Market Watch PA: Focus Regione Sicilia

Come stanno le imprese siciliane e come vivono il loro rapporto con la Pubblica Amministrazione? Il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione è da sempre oggetto di numerose analisi e dibattiti. Sono molti i passi in avanti fatti dalla Pubblica Amministrazione in questi anni per agevolare questo rapporto e creare processi performanti. Tra i diversi …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma …