Il MiT eroga 9,6 milioni per la formazione professionale nel settore autotrasporti

Il 9 agosto 2018 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministeriale riguardante le modalità di erogazione dei contributi per i progetti di formazione professionale a favore del settore degli autotrasporti.
Il Ministero dei Trasporti ha stanziato complessivamente 9.6 milioni di euro da erogare sotto forma di contributi alle imprese che decidono di avviare programmi di formazione per i loro dipendenti.

Quali requisiti bisogna soddisfare per poter inoltrare la richiesta?

Le imprese che potranno beneficiare dei contributi dovranno essere imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi, con sede principale o secondaria in Italia, iscritte al REN (Registro Elettronico Nazionale), i cui dipendenti sono inquadrati nel CCNL Logistica, Trasporto e Spedizione.

Come presentare la domanda?

Se l’azienda soddisfa i requisiti sopracitati dovrà inviare la domanda sottoscritta con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente esclusivamente per via telematica all’interno del sito www.ilportaledellautomobilista.it a partire dal 25 settembre 2018 ed entro il termine perentorio del 29 ottobre 2018.

A chi è rivolta e cosa deve riguardare la formazione?

I soggetti destinatari dell’incentivo e delle azioni di formazione professionale sono i titolari delle imprese di autotrasporto in conto terzi, nello specifico nelle figure dei titolari, soci, amministratori, dipendenti o addetti al trasporto che partecipino ad iniziative di formazione o aggiornamento professionale volte all’acquisizione delle competenze necessarie per:

  • la gestione dell’impresa;
  • utilizzo delle nuove tecnologie;
  • sviluppo della competitività aziendale;
  • innalzamento del livello di sicurezza stradale;
  • innalzamento del livello di sicurezza sul lavoro.

Sono esclusi i corsi per l’accesso alla professione di autotrasportatore nonché quelli per l’acquisizione o il rinnovo dei titoli richiesti obbligatoriamente per l’esercizio dell’attività.
L’attività formativa dovrà aver luogo a partire dal 4 dicembre 2018 fino al 3 giugno 2019.

Contributi e disponibilità di risorse

Come detto l’importo stanziato è di 9.6 milioni di euro a cui le imprese potranno accedere nella seguente misura:

  • 15.000 euro per le imprese con meno di 10 dipendenti;
  • 50.000 euro per le imprese con meno di 50 dipendenti;
  • 130.000 euro per le imprese con meno di 250 dipendenti;
  • 200.000 euro per le imprese con 250 o più dipendenti.

Qualora l’importo stanziato non fosse sufficiente a soddisfare tutte le richieste valutate come idonee, il contributo che verrà erogato sarà proporzionalmente ridotto.
La realizzazione dei corsi deve avvenire esclusivamente tramite soggetti attuatori accreditati a livello ministeriale tenendo in considerazione che le spese complessive inerenti l’attività didattica dovranno essere pari o superiori al 50% di tutti i costi ammissibili.

Per l’erogazione dei contributi si terrà conto dei seguenti massimali:

  • formazione per ogni partecipante con qualifica di autista: max 24/h;
  • formazione per ogni partecipante per gli altri dipendenti: max 40/h;
  • compenso per docente: max 120 euro/h;
  • compenso per tutor: max 30 euro/h;
  • servizi di consulenza: max 20% del totale dei costi ammissibili;
  • formazione a distanza: max 20% delle ore di formazione totali.

La rendicontazione dei costi sostenuti secondo il preventivo presentato all’atto della domanda dovrà essere inviata per via telematica entro e non oltre il 45esimo giorno dal termine di ciascun progetto formativo.

NEWS CORRELATE

Tempi di pagamento nella sanità

Emergono dati positivi dal settore della sanità, negli ultimi 4 anni il debito pubblico del Servizio Sanitario Nazionale è diminuito del 40% dal 2012 al 2016, (13,6 miliardi di euro) attestandosi a 20,6 miliardi di euro. Un dato significativo sull’impegno del Ministero della Salute al fine di migliorare i bilanci della pubblica amministrazione e di …

Identità digitale SPID, un’unica password per l’accesso delle aziende ai servizi delle PA

L’attività imprenditoriale comporta la necessità di interfacciarsi in svariate occasioni con gli uffici delle pubbliche amministrazioni, per adempimenti e servizi di diverso genere. Dalla gestione del cassetto fiscale a quello previdenziale, fino agli adempimenti relativi alla fatturazione elettronica, tutti questi impegni richiedono tempo e personale dedicato. Per facilitare l’impresa nelle relazioni con la PA, è …

Market Watch PA: Focus Regione Sicilia

Come stanno le imprese siciliane e come vivono il loro rapporto con la Pubblica Amministrazione? Il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione è da sempre oggetto di numerose analisi e dibattiti. Sono molti i passi in avanti fatti dalla Pubblica Amministrazione in questi anni per agevolare questo rapporto e creare processi performanti. Tra i diversi …