Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma crediti certificati (PCC) del Ministero dell’Economia e delle Finanze il 22% degli importi a carico delle istituzioni piemontesi risulta ancora da saldare. Tra gli enti con più difficoltà nei pagamenti vi sono le Provincie e le ASL che hanno maturato nel 2017 circa 47 e 59 giorni di ritardo.

 

 

 

A livello nazionale, dopo il picco del 2012, si è verificata una diminuzione dei ritardi dovuta sia ad un intervento statale straordinario, sia all’entrata in vigore del decreto di legge relativo ai tempi massimi di pagamento. La fine del 2017 mostra però la permanenza di 58 miliardi di euro di debiti alle imprese fornitrici, di cui 31 miliardi di pagamenti della PA in arretrato. I progressi rispetto alla fine del 2016, inoltre, sono solo del 4,9%, quando l’ammontare del debito era di 61 miliardi.

 

 

Nella seconda metà del 2017 i tempi dei pagamenti della PA, pur essendo in miglioramento rispetto alle rilevazioni precedenti, evidenziano comunque dati rilevanti con una media generale tra i 35 e i 50 giorni di ritardo. Tra gli enti maggiormente in ritardo vi sono i Comuni con picchi fino 365 giorni. Tale situazione ha spinto nel dicembre 2017 la Commissione Europea a denunciare l’Italia alla Corte di Giustizia per aver violato le norme UE che garantiscono i termini di pagamento dei fornitori.

 

 

Da parte delle aziende le soluzioni proposte per fronteggiare i ritardi nei pagamenti della PA riguardano soprattutto:

  • Vincoli normativi più stringenti;
  • Attività di collection e di anticipo finanziari delle fatture della PA.

 

È per rispondere anche ai problemi legati ai ritardi nei pagamenti della PA che nell’ottobre 2017 è nata la piattaforma fintech TiAnticipo di Banca IFIS Impresa. Le PMI possono attraverso questo strumento avere un preventivo sulla base dei loro crediti certificati e dell’esposizione che detengono verso la PA. In 48 ore la loro richiesta viene valutata e, ottenuta l’approvazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, è possibile ottenere la liquidità richiesta.

Scopri di più

NEWS CORRELATE

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piattaforma certificazione crediti: come funziona

Certificare un credito verso la PA consente alle imprese fornitrici di ottenere la liquidità relativa all’importo della fattura e quindi di vedere saldato il credito. Per poter usufruire dei servizi di anticipo verso la PA, le imprese fornitrici devono far certificare il proprio credito attraverso la Piattaforma Certificazione Crediti del Ministero delle Finanze.

FORUM PA 2018

Forum PA 2018 è l’appuntamento annuale in cui si incontrano gli operatori delle aziende pubbliche e private. L’obiettivo è quello di fare il punto sull’innovazione e la digitalizzazione dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese dagli enti centrali e locali. Da questa collaborazione prenderà forma un’agenda dell’innovazione da affrontare durante la nuova legislatura.

Pagamenti PA: scopri i numeri della regione Lazio

L’analisi Market Watch “Imprese e Pubblica Amministrazione, Gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” ha messo in luce come in alcune regioni i crediti PA vengano saldati entro la scadenza fissata. Evidenziamo qui la situazione della Regione Lazio.