FORUM PA 2018

Forum PA 2018 è l’appuntamento annuale in cui si incontrano gli operatori delle aziende pubbliche e private. L’obiettivo è quello di fare il punto sull’innovazione e la digitalizzazione dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese dagli enti centrali e locali. Da questa collaborazione prenderà forma un’agenda dell’innovazione da affrontare durante la nuova legislatura.

Anche quest’anno si proseguirà con la riflessione sullo Sviluppo Sostenibile, portato all’attenzione dall’Assemblea delle Nazioni Unite. Anche gli altri temi saranno trainati da questo argomento, come:

  • la mancanza del lavoro,
  • la precaria sicurezza che viene percepita oggigiorno dai cittadini,
  • la qualità dell’ambiente
  • l’aumento delle diseguaglianze

Lo scopo di questa convention è il confronto tra il settore pubblico e quello privato per elaborare e predisporre un Libro Bianco da consegnare al futuro Governo. Lo scopo è scongiurare il rischio che vengano azzerati i processi di modernizzazione e digitalizzazione apportati nella Pubblica Amministrazione, a causa della fase di stallo in cui si trova l’avvio della nuova legislazione.

La convention avrà luogo dal 22 al 24 maggio, presso il Roma Convention Center “La Nuvola” dell’Eur. Il programma prevede tanti convegni, focus e workshop inerenti le tematiche della digitalizzazione e innovazione della Pubblica Amministrazione nei processi delle amministrazioni centrali e locali.

Banca IFIS Impresa sarà presente al FORUM PA 2018, attraverso il workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali”. L’incontro, che si svolgerà il 24 maggio, 2018 alle ore 09:45, Sala 11, è dedicato a tutte le imprese che lavorano con la PA. Attraverso il famoso Market Watch di TiAnticipo si presenterà lo stato di salute dei pagamenti pubblici in Italia per capire quali sono gli strumenti di finanziamento migliori per sostenere queste imprese. Un tema importante sarà sicuramente la certificazione del credito, importante strumento messo a disposizione per semplificare il pagamento degli enti pubblici.

NEWS CORRELATE

Premio PA sostenibile 2018: 10 progetti per gli enti virtuosi

Innovare, ormai, è una parola d’ordine per ogni tipo di settore e non fa certo eccezione la Pubblica Amministrazione. È proprio per far emergere le idee all’avanguardia pensate dagli enti pubblici che è stato pensato il “Premio PA sostenibile: 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, assegnato ogni anno da Forum PA alle amministrazioni …

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma …

Piattaforma certificazione crediti: come funziona

Certificare un credito verso la PA consente alle imprese fornitrici di ottenere la liquidità relativa all’importo della fattura e quindi di vedere saldato il credito. Per poter usufruire dei servizi di anticipo verso la PA, le imprese fornitrici devono far certificare il proprio credito attraverso la Piattaforma Certificazione Crediti del Ministero delle Finanze.