Pagamenti PA: scopri i numeri della regione Lazio

Il Lazio è al nono posto tra le regioni italiane per indice di tempestività dei pagamenti con un 86,8% di importi pagati rispetto al 13% di importi ancora da saldare nella Piattaforma crediti certificati (PCC). Secondo l’analisi Market Watch “Imprese e Pubblica Amministrazione, Gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” in molte regionali italiane, tra cui il Lazio, i crediti verso la PA sono stati saldati proprio grazie a strumenti di tipo finanziario.

Anche Banca IFIS ha provveduto, da ottobre 2017, a garantire un servizio di anticipo dei crediti verso la PA, TiAnticipo, in modo da consentire alle imprese di ricevere, in tempi brevi, il pagamento dei loro crediti certificati e ottenere liquidità.

Come evidenziato nel Market Watch, la Regione Lazio è una delle poche regioni, come organizzazione, che paga le fatture in anticipo rispetto alla scadenza, mentre i comuni e le province mantengono il ritardo nel saldare le fatture alle loro imprese fornitrici.

Rispetto all’anno precedente, il 2017 chiude con un generale miglioramento per quanto riguarda il volume dei ritardi nei pagamenti PA del Lazio, ad eccezione dei Comuni che invece segnalano un incremento (un aumento di 13 giorni nel ritardo medio). Per questa Regione risultano, infatti, pagati importi per circa il 86,8% delle fatture, rispetto al 13,2% che risultano non ancora pagate.

Questo andamento si riscontra anche a livello generale: i debiti commerciali di fornitura della Pubblica Amministrazione scendono nel 2017 di circa 4,9% rispetto all’anno precedente, mentre la situazione dei ritardi nei comuni, come precedentemente illustrato per il Lazio, rimane in aumento (il periodo di ritardo varia da 28 giorni a un massimo di 335 giorni).

 

NEWS CORRELATE

FORUM PA 2018

Forum PA 2018 è l’appuntamento annuale in cui si incontrano gli operatori delle aziende pubbliche e private. L’obiettivo è quello di fare il punto sull’innovazione e la digitalizzazione dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese dagli enti centrali e locali. Da questa collaborazione prenderà forma un’agenda dell’innovazione da affrontare durante la nuova legislatura.

PA e gestione stradale: nuovi investimenti per far crescere il comparto

“Tutte le strade portano a Roma”, come si suol dire, ma la gestione della rete stradale da parte della Pubblica Amministrazione è un processo tutt’altro che semplice. In Italia, infatti, esistono più di 7.000 chilometri di autostrade e oltre 840.000 chilometri di strade statali, regionali, provinciali e comunali. Questo enorme patrimonio di infrastrutture costituisce un …