Come si partecipa ai bandi di gara pubblici?

Bandi di gara pubblici: istruzioni per l’uso

Quando un ente della Pubblica Amministrazione ha necessità di acquistare un servizio, un lavoro, o anche un bene provvede a indire bandi di gara pubblici. Possono partecipare alla gara le imprese che soddisfano i requisiti elencati nel bando: il vincitore si aggiudica l’esecuzione del contratto di appalto.

Fra i soggetti che possono emettere bandi di gara ci sono le autorità locali, gli organismi di diritto pubblico, i governi, ma anche l’Unione Europea e le organizzazioni internazionali o le aziende che operano nei settori speciali. Le informazioni sui bandi si trovano sui siti delle istituzioni che li emettono e vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e su quella dell’Unione europea, oltre che sui giornali a diffusione nazionale o regionale.

La presentazione della candidatura

Per partecipare ai bandi bisogna compilare i moduli di domanda e presentare la propria offerta, tenendo presente che sarà scelto chi offrirà il miglior rapporto fra qualità e prezzo. Si devono inoltre rispettare requisiti di ordine generale, indicati dal codice degli appalti, come la non assoggettabilità allo stato di fallimento e requisiti di ordine speciale, che sono di due tipi diversi:

  • di capacità economico finanziaria
  • di capacità tecnico professionale.

Sarà necessario predisporre anche tutti i certificati richiesti dal bando agli enti che intendono partecipare, come, per esempio, il certificato anagrafe sanzioni amministrative e prestare attenzione alle modalità di invio della candidatura.
Il processo continua poi in questo modo:  dopo la ricezione delle offerte, le autorità competenti procedono all’acquisizione della documentazione e alla selezione della migliore proposta. Nel dettaglio, questa può essere determinata in base al criterio del prezzo più basso o al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Le due modalità sono illustrate nell’articolo 81 del codice degli appalti pubblici.

MEF concorso per 400 funzionari

I bandi di concorso pubblico rappresentano la strada per lavorare all’interno degli enti pubblici. Ad esempio di recente, il Ministero dell’Economia e della Finanza ha iniziato un piano di assunzioni con contratto a tempo indeterminato. Ha indetto quindi tre concorsi per 80 profili con esperienza nel settore statistico ed economico quantitativo, 90 nel campo economico aziendale e contabile, 60 figure esperte in economia e finanza.

Sul sito del Ministero sono disponibili tutte le informazioni su come iscriversi ai concorsi.

NEWS CORRELATE

Premio PA sostenibile 2018: 10 progetti per gli enti virtuosi

Innovare, ormai, è una parola d’ordine per ogni tipo di settore e non fa certo eccezione la Pubblica Amministrazione. È proprio per far emergere le idee all’avanguardia pensate dagli enti pubblici che è stato pensato il “Premio PA sostenibile: 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, assegnato ogni anno da Forum PA alle amministrazioni …

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma …

Piattaforma certificazione crediti: come funziona

Certificare un credito verso la PA consente alle imprese fornitrici di ottenere la liquidità relativa all’importo della fattura e quindi di vedere saldato il credito. Per poter usufruire dei servizi di anticipo verso la PA, le imprese fornitrici devono far certificare il proprio credito attraverso la Piattaforma Certificazione Crediti del Ministero delle Finanze.