Ritardi dei pagamenti delle PA: a Roma con TiAnticipo un confronto tra Istituzioni e Imprese

Affrontare la questione dei ritardi dei pagamenti verso le imprese fornitrici della Pubblica Amministrazione: questo l’obiettivo dell’incontro organizzato ieri da Banca IFIS Impresa a Roma, per dialogare sulla situazione dei ritardi dei pagamenti della Regione Lazio, nei confronti delle imprese fornitrici del territorio.

Secondo l’analisi di Banca IFIS Impresa, la situazione generale sembrerebbe essere in miglioramento, ma non tanto da evitare il deferimento del nostro Paese da parte della Commissione Europea, per non aver garantito il pagamento dei fornitori nelle tempistiche stabilite.

Al nono posto tra le regioni italiane per indice di tempestività dei pagamenti c’è la regione Lazio, che registra buone performance, con l’86,8% di importi già pagati e solo il 13% di importi ancora da saldare nella Piattaforma Crediti Certificati del Mef. Ma questi dati si riferiscono soprattutto alla Regione, che paga in anticipo sulle scadenze, mentre persistono forti ritardi da parte degli altri Enti Pubblici del territorio.

Un altro obiettivo dell’incontro era spiegare alle imprese come certificare i propri crediti attraverso la Piattaforma dei Crediti Certificati (PCC)del MEF, e ll’importanza di farlo, poiché permette di smobilizzare questi crediti, e far fronte ai ritardi cedendoli a una banca o agli altri intermediari abilitati.

Tra i nuovi strumenti di finanziamento a disposizione delle PMI, infatti, spicca la nuova piattaforma digitale TiAnticipo, ideata da Banca IFIS Impresa, che permette a micro, piccole e medie imprese che hanno certificato i propri crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione di avere liquidità immediata senza attendere il pagamento da parte della PA. Si tratta di un portale semplice nell’uso, nel quale le imprese possono caricare le proprie fatture certificate.

“Abbiamo voluto organizzare un confronto tra il tessuto imprenditoriale del Lazio e la Pubblica Amministrazione locale per dialogare e contribuire a diffondere la conoscenza delle possibili soluzioni finanziarie a disposizione delle PMI del territorio. Conoscenza, formazione e diffusione delle informazioni sono elementi di valore su cui crediamo che in Italia si possa fare di più e meglio. Noi focalizziamo il nostro lavoro anche su incontri come questo non solo per alimentare il nostro business ma soprattutto per contribuire a rendere sempre più solide le aziende che contribuiscono al PIL del nostro Paese. Il lavoro svolto dal Governo sulla trasparenza dei crediti non pagati alle imprese in questi anni, grazie alla piattaforma del MEF, va in questa direzione e per questo abbiamo sviluppato il portale TiAnticipo, in grado di fornire una risposta concreta e digitale al bisogno di liquidità di tutte le aziende che lavorano con la PA”.

È il commento di Raffaele Zingone, Responsabile di Banca IFIS Impresa Italia, in occasione dell’evento.

NEWS CORRELATE

FORUM PA 2018

Forum PA 2018 è l’appuntamento annuale in cui si incontrano gli operatori delle aziende pubbliche e private. L’obiettivo è quello di fare il punto sull’innovazione e la digitalizzazione dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese dagli enti centrali e locali. Da questa collaborazione prenderà forma un’agenda dell’innovazione da affrontare durante la nuova legislatura.

Pagamenti PA: scopri i numeri della regione Lazio

L’analisi Market Watch “Imprese e Pubblica Amministrazione, Gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” ha messo in luce come in alcune regioni i crediti PA vengano saldati entro la scadenza fissata. Evidenziamo qui la situazione della Regione Lazio.

PA e gestione stradale: nuovi investimenti per far crescere il comparto

“Tutte le strade portano a Roma”, come si suol dire, ma la gestione della rete stradale da parte della Pubblica Amministrazione è un processo tutt’altro che semplice. In Italia, infatti, esistono più di 7.000 chilometri di autostrade e oltre 840.000 chilometri di strade statali, regionali, provinciali e comunali. Questo enorme patrimonio di infrastrutture costituisce un …