Trasformazione digitale dei sistemi di pagamento: PagoPa

Allo scopo di rendere più sicuro, veloce e trasparente un pagamento verso la Pubblica Amministrazione, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha messo a punto PagoPa, un sistema elettronico che permette agli utenti di effettuare pagamenti utilizzando un canale telematico, invece del tradizionale versamento.
Questo sistema di pagamento, adottato da Enti Pubblici, banche, poste e privati, si pone come obiettivo, quello di promuovere i pagamenti elettronici, rendendo più semplici anche le relazioni tra utenti e tra Pubblica Amministrazione, imprese e cittadini.

Come funziona il servizio PagoPa?

Attraverso il servizio di PagoPA, è possibile eseguire pagamenti direttamente sul sito o tramite la app dell’Ente, utilizzando canali bancari, o attraverso:

  • Agenzie della propria banca
  • Sportelli ATM
  • Punti vendita autorizzati
  • Poste (AGENZIA PER L’ITALIA DIGITALE – Pagamenti elettronici: cos’è e come funziona pagoPA)

Il sistema di pagamento elettronico comporta per l’utente diversi benefici, come la possibilità di conoscere il costo dell’operazione da effettuare, ottenendo immediatamente una ricevuta che certifichi l’avvenuto versamento.
Grazie alla digitalizzazione delle procedure ci saranno numerosi sono anche i vantaggi per gli enti beneficiari, che avranno immediata visibilità del pagamento ricevuto e potranno controllare e in maniera più semplice e trasparente i costi di gestione e commissione riducendo le spese legate ai processi interni.

Come riconoscere gli Enti Pubblici che aderiscono a PagoPa?

Le Pubbliche Amministrazioni che hanno aderito al servizio PagoPa, esporranno all’interno del loro sito il logo ufficiale del servizio, rendendo nota la propria appartenenza al sistema di pagamento e più agevoli e sicuri i versamenti a cittadini e imprese.

PagoPa logo

La piattaforma di PagoPa, quindi, rientra nel processo di trasformazione digitale intrapreso dal Paese, allo scopo di facilitare e rendere più rapide e immediate le relazioni con la PA, fornendo un servizio innovativo che risponda alle esigenze evolutive dettate dall’innovazione.

NEWS CORRELATE

Premio PA sostenibile 2018: 10 progetti per gli enti virtuosi

Innovare, ormai, è una parola d’ordine per ogni tipo di settore e non fa certo eccezione la Pubblica Amministrazione. È proprio per far emergere le idee all’avanguardia pensate dagli enti pubblici che è stato pensato il “Premio PA sostenibile: 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, assegnato ogni anno da Forum PA alle amministrazioni …

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma …

Piattaforma certificazione crediti: come funziona

Certificare un credito verso la PA consente alle imprese fornitrici di ottenere la liquidità relativa all’importo della fattura e quindi di vedere saldato il credito. Per poter usufruire dei servizi di anticipo verso la PA, le imprese fornitrici devono far certificare il proprio credito attraverso la Piattaforma Certificazione Crediti del Ministero delle Finanze.