Ritardi dei pagamenti della PA: la situazione in Campania

Il tema dei ritardi dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione, è molto importante per le imprese che forniscono beni e servizi agli enti pubblici: oltre il 60% della PA paga in ritardo e tale situazione dal primo al terzo semestre del 2017 sembra essere in peggioramento.

Nella maggior parte dei casi, infatti, i pagamenti arrivano dopo la scadenza, con un ritardo che va dai 21 ai 71 giorni. (Sole24Ore – Pagamenti PA: le imprese aspettano fino a 687 giorni. Il 62% sempre in ritardo)

Per quanto riguarda la situazione regione per regione, la Campania registra le performance peggiori.

Il Comune di Napoli, infatti, deve ancora far fronte al pagamento del 45% delle fatture del 2016, avendo corrisposto solo 423 milioni su 861, con un ritardo medio di 112 giorni; il Comune di Salerno, invece, risulta fermo ad appena il 23% delle 7.787 fatture 2016 liquidate, con un ritardo medio rispetto ai termini di legge di 59 giorni. (Salerno Notizie – Debiti della PA: in Campania da liquidare alle imprese 5,7 mld per fatture 2016)

L’entità dei ritardi è continuata ad aumentare anche nel corso del primo trimestre del 2017, così come emerge dai dati della Piattaforma dei crediti Certificati (PCC):

  • 143 fatture registrate nel 2016 per un valore di 1,1 Mld di euro
  • Il 70% degli importi da saldare
  • 15,8 giorni di ritardo medio ponderato
  • 46,2 giorni, il tempo di pagamento medio ponderato

Come fronteggiare i ritardi dei pagamento della PA?

Le imprese che sempre più spesso sono in difficoltà a causa dei ritardi degli Enti Pubblici, richiedono quindi che vi siano maggiori vincoli normativi sulla Pubblica Amministrazione, e che aumentino i controlli e le garanzie a tutela delle aziende.

Dall’analisi svolta da Banca IFIS emerge come, tra le metodologie più apprezzate per fronteggiare i ritardi e supportare il proprio business, la maggior parte delle imprese ritiene che il ricorso all’anticipo fatture sia la soluzione ideale per non essere limitate dai ritardi della PA e riconosce l’importanza del supporto dei servizi bancari.

TiAnticipo si presenta come la soluzione da percorrere: un metodo veloce, intuitivo e digitale per ottenere la liquidità dai propri crediti certificati in breve tempo.

NEWS CORRELATE

Premio PA sostenibile 2018: 10 progetti per gli enti virtuosi

Innovare, ormai, è una parola d’ordine per ogni tipo di settore e non fa certo eccezione la Pubblica Amministrazione. È proprio per far emergere le idee all’avanguardia pensate dagli enti pubblici che è stato pensato il “Premio PA sostenibile: 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, assegnato ogni anno da Forum PA alle amministrazioni …

Market Watch PA: il 62% degli Enti pubblici paga in ritardo

Il 24 Maggio è stato presentato, nell’ambito del workshop “Imprese e PA: gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali” all’interno di Forum PA, il Market Watch PA sullo stato dei pagamenti alle imprese da parte degli enti pubblici. Secondo i dati raccolti dal centro studi di Banca IFIS, anche nel 2017 i pagamenti da …

Competence Center: il MISE finanzia Politecnico e PMI piemontesi

È del Politecnico di Torino il primo degli 8 progetti finanziati dal MISE per la creazione dei cosiddetti Competence Center, previsti dal Piano Industria 4.0 e finalizzati a sostenere le imprese in percorsi di innovazione. Il progetto era stato inizialmente finanziato con 40 milioni di euro, ma nelle scorse settimane è stato annunciato l’aumento delle …

Piemonte: pagamenti della PA con più di 15 giorni di ritardo

Nella classifica dei pagamenti della PA il Piemonte si posiziona al sesto posto, la Regione ha, infatti, maturato ritardi nei pagamenti sia nel 2016 che nel 2017. I dati, emersi dal Market Watch PA di Banca IFIS, pur evidenziando un miglioramento, rilevano un ritardo medio di 15 giorni nei pagamenti dei fornitori. Inoltre, nella Piattaforma …

Piattaforma certificazione crediti: come funziona

Certificare un credito verso la PA consente alle imprese fornitrici di ottenere la liquidità relativa all’importo della fattura e quindi di vedere saldato il credito. Per poter usufruire dei servizi di anticipo verso la PA, le imprese fornitrici devono far certificare il proprio credito attraverso la Piattaforma Certificazione Crediti del Ministero delle Finanze.